VINO " VERSATO" 

 

i poeti maledetti

 

 

 

Il vino festeggi la giornata

in un giorno lieto

non è vergogna essere brilli

(Tibullo)

 

 

L’ambrosia degli Dei che si decanta

nun è che malvasia chi si produci

da ‘na viti ch’a Lipari si chianta

(Abate Meli - poeta dialettale siciliano)

 

 

Quando io bevo penso,

quando penso bevo

(Rabelais)

 

 

Generosa Barbera

Bevendola ci pare

Di essere soli in mare,

sfidando la bufera.

(Giosuè Carducci)

 

Guarda il calor del Sol che si fa vino

giunto all'umor che dalla vite cola

(Dante, Purgatorio XXV)

 

 

Bonus est inebriari semél in uno mense.

(Non fa male ubriacarsi una. volta al mese)

(Dai precetti della Scuola Salernitana)

 

Vino o vinello che è antidoto alla lussuria

e conforto alla temperanza

(Petrarca)

 

O bevi o vattene!

Drink or leave'.

(Cicerone. Le Tuscolane)

 

Licori ‘nsuperabili

di l'omu arricriu;

Basta sulu dirisi,

ca si consacra a Diu.

Figliu legittimu

di la racina e mustu;

lu cori si sulleva,

si sì vivuto giustu.

Si tu ca a genti stupiti,

a masci e a viddrani,

li fai parlari subitu

perfetti italiani.

Comu si va a tavula

gioia, senza di tia?

li cibi si smarriscunu

e piglianu nantra via!

Si tu ca a ogni 'ntingulu

‘mmezzu e la pitanza,

li cibi l’arrizzetti

dintra di la panza

Li medici di tia,

un nni parlanu mai beni

Latti sempri dunanu,

e iddi: suca ca veni!

Ma iu li capiscu all'abica,

e fazzu a la riversa;

e la parlata medica,

pi mia è parlata persa!

fu li veri studi,

facisti in bona vutti;

­ti criu; e fazzu un brindisi,

a ‘sti signuri tutti.

(Calogero Marotta - 1885)

 

Cci dissi E tu chi fai? Curri di I'Etna

a l'ameni campagni, si tu voi

Ntra la vera abbondanza

Di vinu scialacquariti la panza

(Domenico Tempio)

 

Dissi cosi, ed egli prese la coppa e bevve:

e molto godeva bevendo il dolce vino

e me ne chiese anche un'altra

(Omero – Odissea IX)

 

E tu, Bacco, ch’arrivasti

in chisti faudi di l’Etna montagna

vinisti di Iu vinu a la cuccagna

(Domenico Tempio 1789)

 

Tre cose solamente mi sò in grado,

le quali possono non ben ben fornire:

ciò é la donna, la taverna e ‘I dado:

queste mi fanno  cor lieto sentire

(Cecco Angiolieri)

 

L'astemio: un debole che cede alla

tentazione di negarsi un piacere

(Ambrose, Bierce)

 

Non sai che l'Alcool è lento veleno?

Pazienza, non ho fretta.

(da O.P. ossia il vero bevitore di Paolo Monelli)

 

Perché l’acqua isterilisce

fa restarvi senza parole,

e in van poi talun si duole

se gli manca o se perisce.

Si, bevete e ribevete

vino bianco, e sangiovese

perché in capo al nono mese

nuovi fruttii ne vedrete,

e se poi tornate in ballo

dal buon vin spinti, ed accesi

voi di nove in nove mesi

crescerete senza fallo

(Poemetto di Piermaria Ghini De Minimi “1973”)

 

Er vino è sempre vino. Lutucarda,

indove voi trovà più mejo cosa?

Ma guara qui si che colore!'Guarda!

Nun pare un'ambra? Senza un fil de posa!

Questo t’aridà forza, t’ariscarda,

te fà venì la voja d'esser sposa

e và, si magni una quaja lommarda

un goccdto, c arifai bocc'odorosa

È bono asciutto, dorce, tonnarello,

solo e cor pane in zuppa, e, si è sincero

te se confà a lo stommico e ar cervello

E’ bono bianco, è bono rosso e nero;

de Genzano, d’Orvieto e vignanello;

ma l’Este-Este è un paradiso vero!

(Giuseppe Gioacchino Belli)

 

Rispose allor Morgante:

a dirtel tosto io non credo più al nero

ch’atl'azzurro ma nel cappone,

o lesso, o vuogli arrosto; e credo alcuna

volta anche nel burro, nella cervogia e,

quando io n'ho, nel mosto, ma

sopra tutto nel buon vino ho fede,

e credo che sia salvo chi gli crede

(Pulci, dal Morgante, XVIII)

 

O pace, ecco a te libo; a te dal nero

cristal che un'aura inebria esala

verso licor in cui scintilla

il fiero sol di Marsala

(Mario Rapisardi - Ode a Bixio)

 

 

 

Se me frulla un pensiero che me scoccia,

me fermo a beve e chiedo aiuto ar vino:

poi me la canto e seguito er cammino

cor destino in saccoccia

(TriIussa)

 

 

Mà ormai bisogna che Vi sia palese

la mia particolare devozione

al Vostro Santo protettore Giovese

di cui spero in tal dì la processione

Fate, o sposi, ch’io possa a più riprese

dichiarargli la mia venerazione

(Ditiranbo nuziale firmato Jacopo Landoni "Ravennate")

 

…Megghiu pri taluni la cicuta

chi mbriacarsi, e aviri lu lolè

Eppura hanno ddu muttu vannutu:

Megghiu ‘mbriacu, ch’essiri cornutu.

(Composizione poetica settecentesca)

 

Io già sento primavera

che s'avvicina coi suoi fiori

Versatemi, presto,

una tazza divino dolcissimo

(Alceo - 500 AC)

pagina iniziale