Catarratto

I.G.T.     Terre Siciliane        2016

 

 
     
 

Catarratto
 

SCHEDA TECNICA

 

ZONA DI PRODUZIONE:  Sicilia

UVAGGIO:   100 % Cataratto

GRADAZIONE ALCOLICA : 12,5 % vol

DESCRIZIONE DEL VINO:

Colore: paglierino carico

Odore: profumato con note di fiori (zagara) e frutta a polpa bianca come l’albicocca e leggero miele

Sapore: fresco, rotondo, lungo, sapido

DA CONSUMARSI ENTRO:  da consumare giovane

 
  

 
  

COMMENTO:

 

Sarà forse per il nome di battesimo non certo intrigante (in verità sembra che in dialetto antico significasse “abbondanza”) ma il Catarratto, una delle molte varietà a bacca bianca tipiche e presenti unicamente in Trinacria (Grillo, Inzolia, Grecanico, ecc.), nonostante le indubbie qualità non ha ancora “bucato” i media e non è diventato celebre come altri suoi conterranei, a cui peraltro non risulta certo secondo. Eppure il fatto che sia il vitigno a bacca bianca maggiormente coltivato sull’isola dovrebbe segnalarne la bontà, anche perché alla base della rinascita dei bianchi siculi, quantomeno percentualmente, è quello che maggiormente ha contribuito.

Le più moderne tecniche colturali, compresa la raccolta notturna, nonché tecnologia del freddo all’avanguardia in cantina hanno poi certo contribuito ad esaltarne le ottime qualità intrinseche tra cui spicca, caratteristica vitale per un bianco che cresce in climi torridi, l’innata acidità elevata di nascita che gli regala freschezza e longevità. Il fatto infine che la gradazione alcolica non sia eccessiva come spesso accade in quelle plaghe, contribuisce a regalare un prodotto piacevolissimo, ben bilanciato, immediato e di facile beva.

A tavola ben si sposa naturalmente con portate importanti a base di pesce, dai piccoli molluschi al grande pesce spada cotto alla brace o sotto forma di involtini, con primi piatti conditi con sughi di verdure (melanzane, olive o broccoli), con focacce salate o pizze ed infine latticini freschi come la ricotta o anche la mozzarella. Ottimo anche con i succulenti arancini di riso, caponate, portate condite con capperi o pinoli e verdure in pastella.  Consumare fresco intorno ai 10° C.

 

 
Pagina Iniziale

Pagina Precedente