Chianti Classico

“Il Casalino”

D.O.C.G. - Riserva  2013

 

 

 

 

 

 

SCHEDA TECNICA

ZONA DI PRODUZIONE: 

Toscana, Siena, comune di Castelnuovo Berardenga, frazione di Quercegrossa, vigneti della villa del Casalino.

UVAGGI

90 % Sangiovese;

5 % Merlot;

5 % Canaiolo

 GRADAZIONE ALCOLICA : 13 % Vol.

 DESCRIZIONE DEL VINO:

Colore: rosso rubino brillante.

Odore: ricco, dai tipici sentori di viola mammola e frutta rossa piccola, integrata da sensazioni dolci derivanti dal legno in cui è maturato.

Sapore: fruttato con buona ma discreta tannicità, fresco, lungo.

 DA CONSUMARSI ENTRO:  8 anni

                                                

COMMENTO

Dai vigneti che dalla sommità, ove svetta la villa del Casalino, oggi dimora della gente Piccolominea, nonché sede dell’azienda agricola omonima, degradano e coprono interamente la collina sino al borro, nasce questo Chianti Classico Riserva, massima espressione per disciplinare di quel territorio che tanto ha conquistato i cuori dei seguaci, nazionali ma soprattutto esteri, del turismo enogastronomico.

Nonostante la continua lotta col nemico, che in questa zona areata ed oltremodo asciutta non sono le malattie crittogamiche, come si potrebbe immaginare, bensì i numerosi animali selvatici che nottetempo attaccano i teneri germogli in primavera (i caprioli) e l’uva appena maturata in autunno (i cinghiali), anche nel 2007, annata storica per il Chianti Classico, s’è riusciti ad ottenere un’ottima base da destinare a Riserva. Dopo il periodo previsto dal disciplinare di produzione per l’invecchiamento in botti di medio-piccole dimensioni ed il lungo affinamento in bottiglia, questo rosso può finalmente iniziare, quasi 5 anni dopo la nascita, la sua carriera commerciale.

Rispondendo pienamente alle caratteristiche tipiche che quel terroir conferisce, maggiormente sbilanciate sulla ricchezza in frutto ed eleganza piuttosto che sulla potenza e possanza, rimane comunque, da buona Riserva qual è, un vino molto importante, dalla bella struttura, con tannini ben bilanciati ed integrati.

A tavola s’abbina egregiamente a tutte le portate importanti a base di carni rosse ma, per lo spirito di vendetta che lo muove, preferisce confrontarsi con quella selvaggina di pelo sopra menzionata, che tante difficoltà gli ha creato da viva. Servire a 18° C, avendo cura di stappare la bottiglia almeno con un’ora d’anticipo.

 

 

 

Pagina Iniziale

 

pagina precedente