Novello

di Merlot  Veneto

IGT  2017

 

 

 

 

SCHEDA TECNICA

 

ZONA DI PRODUZIONE:  Veneto

UVAGGIO:     100 % Merlot          

GRADAZIONE ALCOLICA : 12 % vol

DESCRIZIONE DEL VINO:

Colore: rosso rubino con accentuati riflessi violacei

Odore: sentori fruttati intensi che ricordano le caramelle di frutta

Sapore: immediato, fresco, fragrante, di pronta beva

 

DA CONSUMARSI ENTRO:  da consumare, per definizione, giovanissimo

 

 

COMMENTO:

Sull’onda del successo planetario che il Beaujolais Nouveau ha avuto nel mondo anche in Italia si è voluto dare ai giovanissimi vini rossi, lavorati secondo tecniche di cantina che siano in grado in un paio di mesi di trasformare il mosto in un vino fatto e finito, uno status giuridico. E’ nata così parecchi anni orsono la categoria dei vini Novelli, che per legge possono fare il loro esordio sul mercato a partire dal 31 Ottobre dello stesso anno di vendemmia. La legge italiana prevede inoltre che una parte del prodotto, almeno il 30%, sia ottenuto mediante la tecnica enologica della macerazione carbonica. Tale tecnica consiste nel portare in vendemmia le uve al massimo grado di integrità possibile tramite la raccolta manuale dei grappoli in cassetta perché ogni chicco fungerà in un primo tempo da minuscola vasca di fermentazione, operando il passaggio degli zuccheri ad alcool al suo interno.

Per ottenere questo particolare fenomeno la vasca in acciaio in cui vengono adagiate le uve appena arrivate deve essere a tenuta e saturata con anidride carbonica. Il risultato regalato da questa particolare forma di vinificazione è quello di avere un prodotto pronto in breve tempo, con sentori fruttati evidentissimi e freschissimi che lo rendono perfetto per un consumo in tempi da record.

Tanto maggiore è la percentuale nel taglio finale della parte con macerazione carbonica, ovviamente più preziosa e cara dati gli alti costi di produzione, e maggiore è la ricchezza in sensazioni fruttate: abbiamo ottenuto il nostro merlot in purezza integralmente con questa tecnica ed i risultati si sentono soprattutto al naso

Rosso da apprezzare per antonomasia in gioventù, immediato e schietto, può essere abbinato a tutto pasto a portate semplici e non eccessivamente elaborate. La sua morte, come si suol dire, sono però le caldarroste, altro tipico prodotto autunnale. Servire abbastanza fresco, intorno a 14° C o poco meno.