« la tour penchee »

Chateauneuf du Pape

CdP  2015

 

 

 Le 13 varietà d’uva ammesse per la produzione di questo prodotto, unico ed inimitabile, sono:

ROSSI: Grenache, Cinsault,  Syrah,  Mourvedre, Vaccarese, Terret noir, Clairette, Pic poule, Picardan, Bourbolenc, Rousanne

BIANCHI: Grenache blanc, clairette /bourbolenc blanc

 

Scheda Tecnica 

COMMENTO:

Dal 1305 al 1377, periodo noto come “cattività  avignonese” i papi, a partire da Clemente V, trasferirono la loro sede da Roma ad Avignone e, nel contempo, installarono la propria residenza estiva nella vicina Chateuneuf du Pape, già ai tempi celebre per i propri vini: è questo il motivo per cui ancora oggi sulle bottiglie dell’omonimo vino è raffigurato il simbolo papale.

I 3.300 ettari di vigneto che circondano la piccola cittadina, piantati su un terreno caratteristico ed inconfondibile, costituito principalmente da pietre rotondeggianti di notevoli dimensioni, producono ogni anno circa 100.000 ettolitri di vino, quasi solo rosso. Da spargole viti ad alberello di oltre 60 anni d’età nasce quindi questo grande rosso, passato 12 mesi in barrique principalmente per smussarne le asperità più che per dargli note legnose, di cui un vino così ricco in frutto e potente non saprebbe che farsi. Rosso importante anche se molto morbido e facile da bere ben si adatta ad accompagnare piatti a base di carni, grigliate o arrosto, particolarmente saporiti, anche di selvaggina, o formaggi stagionati gustosi come un pecorino al pepe. Servire a 16-18 ° C.

Zona di produzione: Valle del Rodano, a nord di Avignone, territorio comunale di Chateauneuf du Pape.

UVAGGIO: fino a 13 vitigni differenti

Resa per ettaro: 70 quintali d’uva per ettaro.45 ettolitri in vino per ettaro.

Gradazione Alcolica: 14,5 %

Colore: rosso rubino intenso, con unghia violacea.

Odore: intenso di frutti rossi, con richiami evidenti alla liquirizia.

Sapore: ampio, denso, fruttato con tannini molto morbidi.

Da consumarsi entro: 3 - 5 anni